7 Iniziamo


   Nelle precedenti sei pagine abbiamo letto parole come realizzazione, percorso spirituale, cosmologia, terzo occhio. Per cominciare, però, vorrei partire dalla motivazione che spinge per prima una persona ad uscire dal guscio della confortevole abitudinarietà, perché non sempre questa è così confortevole, perché a tratti sembra pesare, sembra zavorrarci proprio quando correremmo veloci nel vento, di vetta in vetta, di mare in mare spinti da un'intuizione, da un sentimento profumato di terre lontane, quasi fossimo zattera in mezzo all'oceano e d'improvviso un urlo di gabbiano ci annunciasse un lido vicino, una baia, una terra sconosciuta e familiare al contempo. Uscire dalla trappola dell'abitudine si può, si deve; è un' attività (o meglio una inattività) che non fa parte della vita serena e realizzativa di un essere umano elevato. Se cerchiamo di scrollarci di dosso alcune cose della nostra vita che a volte riconosciamo come fardelli, dobbiamo darci una scossa, ritrovare un po'  ...per leggere di più QUI