p.1 - Perché?


   Che lo si voglia o no, che si abbia il coraggio di vedere il proprio cuore o meno, il genere umano si sta evolvendo; nonostante tutto il rumore che fanno i media nel sabotarci l'umore con notizie catastrofiche e con immagini di violenze inusitate, l'essere umano non ha mai conosciuto prima d'ora un'era così feconda di ispirazioni altissime e di sensibilità così sottili verso la propria interiorità, verso il prossimo, verso ogni creatura e verso il cosmo nel suo insieme. In questa era scopriamo quanto si sia tutti in contatto gli uni con gli altri, percepiamo più consciamente energie sottili che riguardano i rapporti interpersonali, entriamo in contatto con energie che provengono da altre dimensioni, facciamo esperienza di altri mondi ...
   Non è facile sentirsi in sintonia con un cammino di evoluzione spirituale: il mondo, appunto, ci mostra una realtà diversa. Questa è proprio la differenza fra essere pronti a vedere come stanno le cose e non esserlo. Qui possiamo comprendere il nostro grado di maturazione interiore. In questo punto possiamo fare la differenza e riconoscere un bicchiere mezzo vuoto come mezzo pieno e procedere con coscienza più alta.
 

<Torna Capopagina